Pubertà precoce danneggia il benessere psicofisico del bambino

10.04.2013 15:12

La pubertà precoce ha un impatto negativo sulla salute mentale dei bambini. Diventare adolescenti in anticipo comporta l'arrivo di problematiche psicologiche tipiche del passaggio alla pubertà troppo presto per essere adeguatamente affrontate. La scoperta arriva da una nuova ricerca condotta da George Patton del Murdoch Children's Research Institute. Lo studio ha utilizzato i dati provenienti da circa tremilacinquecento bambini dai 4 agli 11 anni inclusi nel Longitudinal Study of Australian Children. I risultati hanno dimostrato che la pubertà precoce esercita un'influenza dannosa sul benessere psicofisico dei bambini, promuovendo l'insorgenza di patologie e difficoltà psicologiche correlate all'adolescenza prima del tempo: dall'ansia alla depressione, dall'autolesionismo all'adozione di comportamenti sociali aggressivi fino all'abuso di sostanze. La delicata fase di passaggio dall'infanzia all'universo adolescenziale se anticipata incide sulla maggiore vulnerabilità dei giovanissimi. Gli indicatori principali dell'arrivo di pubertà considerati dai ricercatori australiani sono stati la crescita del seno per le bambine e l'apparizione di barba e peli e la variazione dell'odore della pelle nei bambini. I ragazzi che sono entrati nella pubertà precocemente (8 o 9 anni) hanno avuto maggiori problemi di salute mentale rispetto ai coetanei entrati in questa fase più tardi. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Adolescent Health. Da Paginemediche.it